Sei in Il coro > Ricordi

Ricordi...

Ricordo con piacere l'esperienza vissuta nel Maggio del 1970 con la preparazione di un concerto con le voci virili della Cappella "Santa Cecilia" della Cattedrale di Lucca e le voci bianche della Cappella Sistina.
A Lucca trovai un nutrito gruppo di tenori e bassi con un buon timbro di voce, musicali e ben preparati ed il risultato, l'unione alle voci bianche fu un concerto, di qualità per la Sagra Musicale Lucchese.
Ricordo di avere detto a Don Maggini che con un complesso vocale del genere, una volta rafforzati i soprani e contralti, era possibile ottenere risultati davvero buoni.
So che ciò è avvenuto anche nelle Vostre incisioni discografiche.
Me ne rallegro con voi tutti cantori e maestri rinnovando i migliori auguri per la vostra attività futura.

Roma, 15 Gennaio 1990
Mons. Domenico Bartolucci
Già Direttore Perpetuo della Cappella Sistina



Ricordo con piacere i contatti avuti con la Cappella "Santa Cecilia", in occasione dell'esecuzione dei miei lavori da parte del Coro, in particolare per quella dell'Eccidio di S. Anna. Era una pagina non facile che il Coro, diretto in quell'occasione dal M° Gianfranco Cosmi, ha reso con musicalità , espressione e partecipazione. Sapevo bene dell'impegno dei coristi della "Santa Cecilia" e dei successi ottenuti in molti concerti anche importanti. Unisco perciò molto volentieri la mia voce in questa ricorrenza per esprimere i miei complimenti a cantori e maestri, fra i quali mi piace ricordare il M° Don Emilio Maggini mio ex-alunno, ed insieme gli auguri di un'attività futura ancora feconda di successi.

M° Enzo Borlenghi



I miei rapporti con la "Santa Cecilia" risalgono alla seconda metà degli anni 30, quando fui richiesto di collaborare come istruttore ed a volte come direttore, insieme al direttore abituale del coro Ugo Marsili ed al violinista Cav. Taddeucci Francesco che era il vero animatore del coro. Poi si sono rinsaldati anche per la frequente esecuzione di mie composizioni: al 1940 risale quella della mia prima Messa a 3 voci. Era quindi una consuetudine e con gli strumentisti (allora la Cappella aveva anche una sua orchestra) e i coristi fatta di arte, di esecuzioni anche fuori Lucca e di amicizia che è durata tanti anni.
Quando la mia attività mi ha portato lontano da Lucca ho seguito egualmente i progressi della Cappella in occasione di qualche concerto o della ripresa dei miei lavori come è avvenuto col Mottettone di S.Croce lo scorso anno.
Questo anche per dire che conosco fin quasi dall'inizio i sacrifici e l'impegno dei coristi e maestri e credo perciò di apprezzare come meritano i risultati ottenuti dal Coro in tante occasioni. E dei maestri voglio ricordare tutti quelli che ho visto lavorare con passione in Cappella ed ora non sono più: il M° Federighi, Marsili, Batini, Castruccio Lombardi, nonché l'indimenticabile Cav. Taddeucci ed il Sig. Pietro Mennocchi l'appassionato preparatore delle voci bianche.
Mi è grato perciò, in occasione di queste ricorrenze, formulare alla Cappella l'augurio di sempre maggiori successi sia nell'attività religiosa come in quella concertistica per la giusta soddisfazione del Direttore, dei maestri e di tutto il complesso corale che tanto opera a vantaggio delle tradizioni della nostra cara Lucca.

M° Marino Pratali